Le basi dell’allenamento Femminile

Uno dei concetti più fraintesi, nel fitness, riguarda l’effetto dell’allenamento con sovraccarico sulle donne. Il timore immotivato dello sviluppo muscolare è suffragato sulla base di studi (Wilmore 1975) ampiamente dimostrativi, nei quali si evince che la donna manca dell’assetto ormonale atto a provocare una risposta ipertrofica eguale o simile a quella dell’uomo. Nella donna il livello di Testosterone (T ormone a forte azione anabolizzante, determinante per lo sviluppo muscolare) è 10-30 volte inferiore a quello presente negli uomini. Sicuramente gli incrementi di forza di un muscolo si accompagnano ad un aumento di dimensione delle fibre che lo costituiscono, ma questo fenomeno é molto meno pronunciato nelle donne. I dati a disposizione rivelano che il potenziale muscolare nelle donne può indurre un aumento di forza, senza causare una marcata ipertrofia. Parlando della donna, non bisogna mai perdere di vista la funzione biologica della stessa: la natura ha progettato la donna predisponendola per la gravidanza. La distribuzione del grasso corporeo nella donna, localizzata principalmente sui fianchi, denota questa riserva energetica funzionale al parto, di difficile metabolizzazione, in quanto massimamente preservata dall’organismo. Detto questo, esistono delle differenze tra i sessi che esulano dalla risposta fisiologica all’esercizio e che non possono essere sottovalutate nel contesto fitness al femminile. La donna rispetto all’uomo presenta:

Leggi tutto