fbpx
 

Caloric Restrict

Negli animali la riduzione drastica dell’apporto calorico (Caloric Restric CR), senza incorrere in malnutrizione, riduce la morbilità e incrementa la longevità (1) e i primi studi sugli esseri umani stanno confermando questo quadro osservazionale (2). La restrizione calorica, tra l’altro, costituisce una sorta di stress leggero che contribuisce in positivo all’aspettativa di vita, andando ad attivare il processo diormesi (3). Se si prendono in considerazione i LARN, cioè i livelli raccomandati di assunzione dei vari nutrienti, e conseguentemente la qualità di calorie da assumere in rapporto a sesso ed età, si dovrebbe effettuare un taglio indicativamente nell’ordine del 25/30%. Molti ricercatori ritengono che la pratica della CR potrà estendere la durata della vita umana in salute, soprattutto se accostata all’esercizio fisico, così da poterla concretamente aumentare di 5-10 anni rispetto agli standard attuali (4). In ogni caso sono necessari ulteriori studi per comprendere le interazioni tra modifiche della singola sostanza nutritiva (come proteine/aminoacidi,acidi grassi, vitamine, sostanze fitochimichee minerali), il grado di CR e la frequenza di consumo di alimenti nella modulazione del metabolismo antinvecchiamento dei percorsi molecolari e nella prevenzione delle malattie correlate all’età (5). Nel loro insieme, i dati ricavati dagli studi scientifici indicano che una CR moderata, con una nutrizione adeguata sotto il profilo qualitativo e dell’apporto dei singoli micro e macro nutrienti ha un effetto protettivo contro varie condizioni dismetaboliche e degenerative: dall’obesità al diabete di tipo 2, dall’infiammazione alla sindrome metabolica, dall’ipertensione alle più generali malattie cardiovascolari, riducendo altresì i fattori di rischio metabolici associati con il cancro (6). Inoltre, la CR negli esseri umani migliora i marcatori di invecchiamento cardio e cerebrovascolari. Tuttavia sono necessari ulteriori studi per comprendere appieno le interazioni tra la CR, la composizione della dieta, l’esercizio fisico e il concorso degli altri fattori ambientali e psicologici sui percorsi metabolici e molecolari che regolano la salute e la longevità (6).


(1) Colman RJ et al. Caloric restriction reduces age-related and all-causes mortality in rheas monkeys. Nat Commun.2014 Apr 1;5:3557.(2) Heilbronn LK et al. Effect of 6-month calorie restriction on biomarkers of longevity, metabolic adaptation, and oxidative stress in overweight individuals: a randomized controlled trial. JAMA. 2006 Apr 5;295(13):1539-48.(3) Masoro EJ. Role of hormones in life extension by caloric restriction. Dose Response. 2006 Aug 19;5(2) 163-73.(4) Racette SB et al. Approaches for quantifying energy intake and %calorie restriction during calorie restriction interventions in humans: the multicenter CALERIE study. Am J Physiol Endocrine Metab. 2012 Feb 15;302(4):E441-8.(5) Rizza W et al. What are the roles of calorie restriction and diet quality in promoting healthy longevity? Aging Res Rev. 2014 Jan; 13:38-45.(6) Cava et al. Will calorie restriction work in humans? Aging (Albany NY).2013 Jul5(7):507-14.

Tags:
,